Apple ci mostra come ha utilizzato fuoco e liquidi per produrre gli effetti della sua nuova campagna
16180
post-template-default,single,single-post,postid-16180,single-format-standard,bridge-core-2.2.7,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,paspartu_enabled,paspartu_on_bottom_fixed,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-23.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive,elementor-default
 

Apple ci mostra come ha utilizzato fuoco e liquidi per produrre gli effetti della sua nuova campagna

Apple ci mostra come ha utilizzato fuoco e liquidi per produrre gli effetti della sua nuova campagna

Raramente si ha occasione di assistere a “dietro le quinte” di progetti di livello così alto come quello che la Apple ci mostra nel suo nuovo video, rilasciato in occasione della la campagna lancio del nuovo sistema operativo per Apple Watch. La casa produttrice ci offre infatti la possibilità di osservare come sono stati utilizzati fuoco, acqua e metalli liquidi per creare degli effetti tra i più belli che, personalmente, abbia mai visto nella fotografia/videografia still life.

Come molti già sapranno, utilizzare liquidi, polveri o materiali in movimento è una tecnica piuttosto utilizzata, a causa del grande impatto che ha su un’immagine di prodotto o still life, ma abbastanza complicata da realizzare se teniamo conto sia dell’equipaggiamento richiesto sia della difficile ricerca dei giusti materiali. E’ inoltre un campo in cui ancora domina il cosidetto “Do it yourself” ed in cui non esistono soluzioni professionali (salvo alcune molto costose), quindi è ancor più interessante poter osservare i retroscena dei professionisti di più alto livello anche solo per carpire e riprodurre alcuni elementi dei loro lavori.

Il video è interessante, inoltre, anche per un altro motivo: ci mostra come, nonostante l’evoluzione delle tecniche CGI (computer grafica), si utilizzino ancora spesso elementi reali per produrre anche gli effetti più particolari, aspetto che abbiamo già visto in altri backstage come quello sulla realizzazione della sigla di Stranger Things.

Tags: